Menu
Oro

Il funzionamento e le caratteristiche di una lampada riscaldante ad infrarossi

Utilizzare una lampada ad infrarossi Phormalab per riscaldare un ambiente è una scelta pratica, intelligente ed economica. Oltre a questo permette di integrare un delicato elemento di design italiano, impreziosendo il contesto senza appesantirlo. Tuttavia, entrando nel dettaglio, cerchiamo di capire effettivamente come funziona un lampada riscaldante a infrarossi.

 

Come è realizzata una lampada riscaldante

 

Una lampada a infrarossi non è un oggetto complesso, tuttavia, nonostante la sua grande semplicità, è necessaria una grande cura nei dettagli affinché sia un prodotto di alto livello. Il corpo di una lampada a infrarossi è realizzato in alluminio pressofuso, riducendo al minimo indispensabile le componenti. Seguendo così i dettami di praticità e semplicità.

 

La parte più importante della lampada a infrarossi è però proprio la lampada, ossia il bulbo riscaldante. Questo è una lampada di alta qualità, che è in grado di fornire fino a 5000 ore di luce e soprattutto di calore. Grazie all’elevata qualità della lampada, essa può essere utilizzata anche in spazi aperti. Resistendo egregiamente agli spruzzi d’acqua, all’umidità e agli sbalzi termici.

 

La varietà di una lampada a infrarossi

 

Ogni lampada a infrarossi proietta un fascio scaldante che può essere orientato grazie ad un sistema di snodi, che permette di direzionarlo su 4 direzioni: alto e basso, destra e sinistra. È possibile scegliere tra 3 diversi tipi di lampada a infrarossi, a seconda dell’ambiente in cui va inserita.

 

Ogni tipo di lampada è disponibile in varie configurazioni, per soddisfare al meglio le esigenze di utilizzo, questo non include solo la forma, ma anche il colore del corpo lampada, che può essere selezionato tra bianco e nero.

 

Come funziona la lampada riscaldante

 

All’interno del corpo di alluminio di una lampada a infrarossi c’è un semplice sistema di cavi elettrici che trasferiscono l’energia alla lampada. Questi sono un “apparato circolatorio” per la lampada riscaldante. Ogni lampada può avere a disposizione una potenza che va dai 1300 ai 2000W, mentre l’alimentazione necessaria è di 230 V.

 

Tutti questi dati bruti, in termini di energia e di voltaggio, sono necessari per dare un’idea della grande capacità riscaldante di una lampada a infrarossi, che è in grado di trasformare, attraverso l’irraggiamento, più del 90% dell’energia elettrica utilizzata per alimentarla in piacevole calore per l’ambiente.

Top